Lanciata il 31.3.2020 alle 12:25.
L'Ufficio federale ha confermato di aver ricevuto la petizione e l'ha trasmessa al Consiglio federale.
Continueremo a raccogliere le firme fino a quando il Consiglio federale non avrà preso una decisione. Se la decisione sarà di nuovo negativa per i lavoratori autonomi, continueremo a lottare.
Ogni piccola impresa che muore a causa delle misure federali contro il virus corona è una di troppo!!

Image

Al momento, 3933 persone hanno dimostrato solidarietà dal 31.3.2020.

Image

I fallimenti di lavoratori autonomi non sono solo fallimenti del capitale di rischio investito, ma spesso anche fallimenti con
„Base dell'esistenza“
.

Il Consiglio federale e i partiti possono "far fronte" alla morte degli indipendenti solo perché non guadagnano molto? Fa differenza se un lavoratore autonomo muore perché un altro salta nella breccia? Finora sembra che sia così. Ma non possono aiutare la crisi e quindi la morte dei "piccoli eroi dell'economia" non dovrebbe essere colorata. Per questo chiediamo solidarietà e sostegno che consentano ai "piccoli eroi dell'economia" di sopravvivere a questa crisi e di rimettersi in piedi dopo la crisi.

L'originale è stato scritto in tedesco
(Tradotto da deepl)

Ostermundigen, 30 marzo 2020

Signora Presidente della Confederazione Svizzera, Simonetta Sommaruga
Consigliere federale Ueli Maurer
Caro Consiglio federale

Numerosi liberi professionisti e persone solidali firmano questa petizione al Consiglio federale per richiamare l'attenzione sulle GRANDI preoccupazioni dei nostri liberi professionisti, i "piccoli eroi dell'economia", e per chiedere misure efficaci per alleviare questo GRANDE disagio..
Esprimiamo la nostra convinzione che, sulla base di una valutazione equilibrata dell'attuale minaccia rappresentata dalla SARS-CoV-2 (Coronavirus/CoVid-19), le misure adottate dal Consiglio federale per proteggere la popolazione sono adeguate a contenere la diffusione del virus. Le misure adottate dalla Confederazione colpiscono duramente l'economia nel suo complesso. Tuttavia, le misure adottate hanno colpito in particolare i lavoratori autonomi. 
Chiediamo al Consiglio federale di prevedere un pacchetto di misure minimo e sufficiente per i lavoratori autonomi, con le seguenti giustificazioni Il pacchetto minimo di misure dovrebbe consentire una soluzione rapida e non burocratica. Oltre alle possibilità di lavoro a orario ridotto per i dipendenti e alla semplificazione dei prestiti, per il periodo dello stato di emergenza e per tutti i lavoratori autonomi interessati si dovrebbe utilizzare il seguente pacchetto di emergenza.

1. L'indennità giornaliera minima è fissata a CHF 200.- e sarà corrisposta a ogni lavoratore autonomo interessato dalle misure senza oneri burocratici..
2. L'importo massimo deve essere adattato al massimo di un dipendente secondo l'assicurazione contro la disoccupazione.
3. Il condono fiscale è concesso a tutti i lavoratori autonomi che hanno iniziato a lavorare in proprio prima del 17 marzo 2020 e che sono iscritti a una succursale AVS. Le imposte saranno nuovamente riscosse per la prima volta a partire dal 2022 per l'anno fiscale 2021..

Giustificazione:

I fallimenti non sono solo fallimenti del capitale di rischio investito, ma spesso fallimenti con una "base di esistenza successiva".
In qualità di maggiore azienda svizzera, i lavoratori autonomi, che operano nei più svariati settori come l'arte, il divertimento e il tempo libero, gli alberghi, l'edilizia e il tempo libero, i servizi sanitari e sociali, l'istruzione e la formazione, l'informatica, l'agricoltura e la silvicoltura, o come parrucchieri e molti altri servizi non elencati in questa sede, hanno un impatto significativo sulla vita e sulla coesione sociale. Essi rendono servizi inestimabili con grande impegno e disponibilità ad assumersi dei rischi. I lavoratori autonomi lavorano anno dopo anno senza essere assicurati presso l'assicurazione contro la disoccupazione e, a differenza delle "persone giuridiche" come SA, Sagl, Verein, ecc. si assumono tutti i rischi, anche del credere, con il loro patrimonio privato..

Molti disoccupati di lunga durata, soprattutto quelli sopra i 50 anni, hanno dimostrato e continuano a dimostrare un senso di responsabilità e solidarietà verso la comunità e ora vengono puniti duramente.
Negli ultimi anni, molti disoccupati, soprattutto quelli sopra i 50 anni, hanno deciso di diventare lavoratori autonomi invece di rivolgersi all'assistenza sociale. Molti di loro stanno avviando una propria attività, il fatturato è ancora basso e per molti di loro il reddito guadagnato è a malapena sufficiente per sopravvivere. Queste persone si caratterizzano per la loro responsabilità e solidarietà con la comunità, non per l'appesantimento dei sistemi sociali, ma per il loro impegno e la loro disponibilità a correre rischi, e sono ora amaramente punite per le loro azioni eroiche.
Questi sono i veri "piccoli eroi dell'economia". Sono proprio questi "piccoli eroi dell'economia" che ora hanno bisogno di un sostegno finanziario sufficiente e non burocratico il più rapidamente possibile.
100 franchi al giorno come compensazione con uno stipendio di 45.000 franchi non sono una compensazione, ma un pettegolezzo per i "piccoli eroi dell'economia".

Le misure d'aiuto di cui parla il Consiglio federale hanno poco o nessun effetto, sono ben lungi dall'essere i requisiti minimi per l'aiuto d'urgenza e sono, per la maggior parte dei "piccoli eroi dell'economia", insufficienti e fuorvianti. Affinché un lavoratore autonomo possa guadagnare CHF 45'000.- all'anno, deve realizzare un fatturato almeno doppio rispetto a tutti gli altri lavori amministrativi. Questo dato è in costante aumento in tutti i settori fino al settore della ristorazione, dove è x volte più necessario. I lavoratori autonomi, in particolare, non pagano uno stipendio. Piuttosto, il salario è ciò che rimane alla fine della giornata. Può essere alto per un mese e al livello minimo di sussistenza per molti mesi dopo. Solo un indennizzo minimo di CHF 200.- può mantenere in vita una piccola impresa che, tra l'altro, può aver accumulato riserve in passato.

La velocità è fondamentale!
L'importo minimo può essere pagato immediatamente tramite la filiale AVS competente..

Il condono fiscale fornisce aiuto immediato e respiro finanziario a molti lavoratori autonomi, soprattutto a quelli che sono attivi solo da poco tempo.

Un condono fiscale permette ai lavoratori autonomi di respirare e di investire denaro in idee e progetti. Permette a molte persone di sopravvivere e promuove il potere d'acquisto e la ripresa economica dopo la pandemia..

Questo tipo di sostegno rapido dimostrerebbe che, per contenere le tragedie economiche, il Consiglio federale include anche i lavoratori autonomi e ha l'assoluta volontà di alleviare la tragedia economica in larga misura per i più piccoli, i "piccoli eroi dell'economia".

Per molti, è un aiuto dell'ultimo minuto. Siamo consapevoli che questo non impedirà tutti i fallimenti. Ma siamo convinti che un tale aiuto in questi tempi difficili eviterà ulteriori malattie e possibili suicidi dovuti a paure esistenziali.

A nome dei lavoratori autonomi, vi ringraziamo per la vostra risposta positiva e tempestiva.

Il sottoscritto:
Vedi il sito web
https://www.fbschweiz.ch/index.php/it/bewegung-it/kampagnen-ur/covid19-it/covid19-liste-it